Di domenica

Di domenica

Domenica. Una di quelle in cui vorresti prendere la macchina per andare lontano, girare e fare qualcosa di strafigo per non sentire quella stretta allo stomaco, che oggi HO. Niente da fare. Oggi c’è il blocco delle macchine: circolano solo le euro 5. Euro 5????? Che??? Ambizioni troppo futuristiche per i miei mezzi a motore preziosissimi. Benissimo, ne prendo atto. Faccio colazione al telefono con Nic e poi…super idea. Rossina è posteggiata a circa 7 km di distanza (del posteggio di Rossina vi racconterò un altro giorno) prendo la metro e mi dirigo a prati. Eccomi, compro i pasticcini, monto in sella e vado a pranzo dalla mia nuova amica Giulia verso Roma Nord. Ussignur si, qui a Roma si va a pranzo a Roma Nord ed io abito solo a Roma Sud, mi piace troppo questa cosa.Comunque… pranzo piacevolissimo dalla mia nuova amica, regna la voglia di condivisione e di godimento di questa nuova situazione insieme. Meraviglia. Caffè in terrazzo e poi ci salutiamo, prendo la bici, poche pedalate e sono già da Flami. Ci sdraiamo sul letto chiacchiere e risate, poi tè e poi ci mettiamo a cucinare la cena: siamo in quattro, semplice cena ed io qui mi sento proprio a casa. Sto bene. Semplicemente bene.

Poi è ora, mi aspetta il tragitto verso casa, 14, 9 km calcolati , ma decidiamo che tagliando per Ponte Milvio, via Flaminia, Piazza del Popolo, Fori Imperiali, Colosseo forse avrei risparmiato qualche km.

Casa.

Di km ne ho ne risparmiato uno, ma ho goduto molto di più. 40 min di strada, in mezzo stop per chiacchiere e bacio ad un amico. Bella che sei Roma e Rossina di nuovo mi permette di godermela tutta. 13, 9 km in 40 minuti scivolati via con un piacere per me raro e prezioso.

Notte a voi

 

 

20121015-012051.jpg

Condividi che Andiamo Bene