Che la terra ti sia lieve

Che la terra ti sia lieve

Ieri sera è morta Beatrice, 16 anni. Stava tornando a casa in bici con suo cugino. Solita, ORRIBILE, storia. Una macchina correva, veloce, non vede la ragazza attraversare, la travolge, accellera, scappa.

La cronaca dell’evento la si legge QUI

Io ora vorrei solo piangere.

Ieri ero in giro per Roma in bici, a godermi la pioggia estiva in bici, con la mia pancia ed un bimbo/a che cresce e si forma, preparandosi all’esperienza terrena.
Mi chiedevo se possa esistere un modo per chiudere la pieghevole con il seggiolino per il bimbo montato (evidentemente no)… fantasticavo sui viaggetti che in Tre potremo farci… e poi appena sarà possibile ci sarà la gara per regalargli una biciclettina per iniziare a godere di questo mezzo.

Quanto è leggitimo che una macchina guidata senza senso civico, senza rispetto umano, senza amore, ti possa travolgere?

Io voglio insegnare a questo bambino/a ad Amare la Vita così come la amo io. A  rispettare gli altri, a rispettare la terra e il cielo e ogni essere che la popola.
Io lo incoraggerò a sceglire modalità di movimento nel rispetto dell’ambiente. Sicuramente pedaleremo insieme.

E che la violenza non fermi mai uno spunto d’amore.

Che la terra ti sia lieve Beatrice e che sincero affetto circondi i tuoi genitori.

Benedetta

 

Condividi che Andiamo Bene