Mi son rimaste le mutande

Mi son rimaste le mutande

Cioè la bici ormai me la posso permettere solo qui, stampata sulle mutande.

La pancia cresce bella, tra poco saremo in tre, due bici e un seggiolino!
La pieghevole tanto desiderata sono riuscita ad utilizzarla non più di una decina di volte.

L’ultima, tragica/imbarazzante.

Domenica mattina, esco a comperare due cose per far finta di avere il frigo in attività..Panza del settimo mese, spirito dei 14 anni e bici.

Daje, ce la faccio. Leo mi guarda fiducioso e si ri-butta nel letto a sonnecchiare.
Ok la porto giù usando l’ascensore, incollarmela non è più possibile. Stradino, cancello pedonale, tre scalini scesi facile facile. Salto in sella.
Prime settimane di settembre, carica della scorta di sale fatta nell’estate, inforco il mezzo e viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.

Fine.

Nel senso che la discesa è andata, la pianura pure, al primo accenno di salita porca la trota niente, fine del gioco.
Il fruttivendolo è all’apice di una salitina sempre fatta… NIENTEEEE!!!

Il bimbo mi manda a quel paese un paio di volte, finchè raggiungo l’obiettivo con la lingua di fuori , chiamo Leo: “Ti prego vienimi a prendere che non je la posso fà”.

Ciao pieghevole, sei carina, mi piaci un sacco, ma ci rivediamo in gennaio.
Per ora compro mutande con le biciclette.

 

Condividi che Andiamo Bene