Basilicata Coast to Coast in pieghevole

Basilicata Coast to Coast in pieghevole

TIRRENO/ADRIATICA LUCANA IN PIEGHEVOLE

di Matteo Colizzi

L’idea nasce dalla volontà di ripercorrere a modo nostro i posti resi famosi dal film Basilicata Coast to Coast e rivivere gli imprevisti e gli incontri inaspettati capitati alla combriccola guidata da Rocco Papaleo. Di sfondo  una regione ancora poco conosciuta, caratterizzata da due mari, maestosi monti, paesaggi lunari, amari di tutti i tipi, paesini fantasma e dall’animo autentico e pure della sua gente.

Per rendere tutto questo più goliardico e meno ciclistico è stata utilizzata una bici pieghevole utile, dal mio punto di vista, solo per essere portata sul treno. Grilloska invece voleva testare la sua “Tern” per la prossima avventura che l’accompagnerà lungo l’asse Ulanbator – Pechino. La mia era un trabiccolo di marca sconosciuta pagata anni fa 120€ che mi ha rimediato il grande Eliano. Era in disuso da anni nel cortile del suo ufficio….una garanzia di inaffidabilità.

L’equipaggiamento per 3 giorni è stato ridotto al minimo ossia una tenda in due, un saccoapelo in due, una maglietta un costume e poco altro per ridurre al minimo il peso e per riuscire a trasportare il tutto in autonomia.

Compiere l’itinerario della basilicata coast to coast tuttavia è pressoché impossibile. Sia perché devi munirti di GPS per riuscire a scovare quelle stradine sterrate di montagna non segnalate sia perché raggiungere la basilicata è un impresa veramente ardua  specie se decide di partire a ridosso del ponte del 29 giugno. Quindi abbiamo optato per una traversata dall’Adriatico al Tirreno da Bari-Maratea di quasi 300 km che tocca i posti più caratteristici della regione.

Partenza di Venerdì sera con il treno notturno Roma-Bari io bello comodo in cuccetta gli altri nello scompartimento. Uscire da Bari e dalla Puglia sarà un inferno per il caldo e per le vie trafficate ad alta velocità. Già la mia accorgo che qlc non va nella bici visto che sto sempre indietro a 15km/h ma le gambe non possono essere quindi sarà sicuramente il trabiccolo che viaggia frenato. Si arriva in Basilicata si comincia a salire verso Matera la stupenda città dei sassi.  Mangiata e riposino e si riparte direzione Sandicci dove, dopo quasi 100 km tra strade statali e deviazioni varie, riusciamo ad accamparci all’interno di un giardino con piscina (chiusa ma lo stesso utilizzata) di un ristorante dove andiamo a cena per pochi €. Notte con il cane  di guardia che ci abbagliava a due passi dalla tenda…un’ansia.

Ripartiamo il giorno dopo tutto su stradine di campagne e saliamo verso Craco, paese fantasma per il suo borgo scavato nella roccia non più abitato in seguito ad una frana di 50 anni fa. Per la sua figura spettrale ed i suoi viottoli abbandonati, Craco è stato il set di famose produzioni cinematografiche (Basilicata coast to coast, 007, La passione di Cristo…). Ripartiamo attraverso il paesaggio lunare dei Calanchi tra olivi secolari, accolti da cani e contadini per cercare acqua e uova, e risaliamo duramente per Aliano, luogo d’ispirazione per Carlo Levi per  “Cristo si è fermato a Eboli”. Mangiata e riposino nelle panchine del paese e si riparte in direzione Moliterno costeggiando per gran parte il Lago di Petrosillo. A Moliterno in montagna non ci arriviamo e ci accampiamo a valle a Sarconi in un bel parco fluviale con tanto di fiume balneabile gelato. Bagno e si mangia come se non ci fosse domani…(con sti prezzi!!!).

L’ultimo giorno inizia con una bella salita pedalabile che ci porta fino ad oltre 1000 metri di altitudine. In cima un bar d’altri tempi con la vecchia di turno. In discesa poi verso Lauria con 3 km di statale e galleria e poi so una salita impervia e sgarrupata verso il borgo di Trecchina. Rimane la discesa spettacolare verso lo splendido mare di Maratea di cui approfittiamo prima di riprendere il treno per Roma.

Nelle foto i compagni d’avventura (Grilloska, el Rojo ed Eliano) i paesaggi, gli accampamenti, i paesi, ed i trabiccoli (almeno il mio). Grazie a tutti ed alla prossima.

IMG-20150629-WA0030

Tutte le foto su https://www.flickr.com/photos/132962382@N05/sets/72157655241669196/

Andiamo Bene

Matteo Colizzi

Condividi che Andiamo Bene